Mission - Officina

Vai ai contenuti

Menu principale:

Mission

Mission
Scopo della cooperativa è quello di perseguire l'interesse generale della comunità alla promozione umana e all'integrazione sociale dei cittadini attraverso:
- lo svolgimento dell’attività di cui all’art. 7 finalizzate all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate ai sensi dell'articolo uno, primo comma punto b), della legge 8 novembre 1991 n. 381
- il coinvolgimento e l’integrazione delle risorse umane, professionali e di volontariato, presenti nella comunità locale, affinché si rivolgano stabilmente alla solidarietà sociale
- lo svolgimento della concezione del lavoro come strumento per la valorizzazione della persona
- la promozione nella realtà sociale dell’ideale cooperativo, dell’autogestione, della solidarietà e della creatività.
Nel perseguimento del proprio scopo la cooperativa presta particolare attenzione, nell’organizzazione del lavoro, alle difficoltà delle persone e mira alla riscoperta e alla valorizzazione delle capacità individuali e professionali di ognuno.
Storia
La Cooperativa sociale Officina si costituisce nel marzo del 1989.
Nasce come cooperativa di solidarietà sociale finalizzata all’inserimento lavorativo di soggetti tossicodipendenti dall’esperienza di un gruppo di volontariato locale (Gruppo di Lavoro sulle Tossicodipendenze) che da anni lavorava sul territorio del Comune di Samarate e dal quale provengono parte dei soci fondatori e i primi operatori.
Fin dall’inizio, a seguito delle richieste dei primi enti pubblici con cui vengono stabilite convenzioni, la cooperativa inserisce non solo persone con problemi di tossicodipendenza, ma anche persone provenienti da altre fasce deboli e categorie di svantaggio.
Nel 1991 diventa socia della cooperativa “Mag2 servizi” i cui scopi sociali e le caratteristiche di mutua associazione e servizio svolti, sono condivisi in toto.
Dal 1993 la cooperativa è iscritta alla sezione B dell’Albo Regionale delle cooperative sociali.
E’ socia fondatrice dal 1994 del Consorzio Cooperative sociali di Cardano al Campo.
Il 17/12/2000 perde per decesso il suo presidente e socio fondatore Daniele Fanali. Segue un periodo di crisi del gruppo dei soci lavoratori, che si riduce ad un piccolo numero.

Dal 2003 si ricostituisce gradualmente il nuovo gruppo di soci, quello attualmente operante.
Negli ultimi anni (2005-2008) la cooperativa ha adeguato la propria struttura organizzativa per rispondere alle richieste crescenti dei servizi sociali del territorio di effettuare dei tirocini lavorativi con forti caratteristiche di osservazione della capacità dei soggetti di mettersi in relazione con l’ambito lavorativo.
Alla tradizionale forma di inserimento tramite assunzione, in cooperativa si mettono a disposizione postazioni per tirocini finalizzati all’assunzione o all’osservazione.
Nel corso degli anni la cooperativa ha continuato a sviluppare relazioni di collaborazione con altre cooperative sociali, sia con quelle socie del Consorzio Cooperative Sociali di Cardano al Campo che con la Coop. Sociale I Sommozzatori della Terra di Limbiate (MI).
Dal 2006 ha iniziato una particolare collaborazione con la Cooperativa Sociale Charis di Besozzo, che si è sviluppata in una progettualità comune sul territorio dell’Alto Verbano. In Associazione Temporanea di Impresa si sono acquisite convenzioni in 381/91 con i Comuni di Laveno Mombello e di Luino ed è stato avviato in collaborazione con i servizi di quel territorio il progetto “’Isola Formativa Itinerante”.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu